In questi giorni in concomitanza con la  storica  Fiera di S.Carlo che si svolge dal 1 al 4 novembre

aprirà presso il Museo del Bijou la mostra ” Tanto di cappello” che rimarrà aperta fino al 30 novembre.

La Camelia

Il cappello considerato da sempre come ornamento, come complemento, come significato di un mondo fatto di moda, di atelier, di sartorie, di modiste, di abbinamenti di un abito con una borsa, un paio di guanti, un cappello, appunto, senza il quale ,nei primi anni del secolo scorso,  non stava bene uscire !

Cappello che significava anche classe sociale di appartenenza: il cappello non tutte se lo potevano permettere… Dedicata al cappello femminile, la simpaticissima  mostra è visitabile fino al 30 novembre al Museo del Bijou di Casalmaggiore (ingresso libero e gratuito).

Tanto di cappello! si colloca nella scia degli approfondimenti sulla storia della moda che da alcuni anni caratterizzano molte proposte espositive del museo. Sono dunque raccolti copricapi femminili indossati fra gli anni Venti e Settanta del secolo scorso, come simbolica “passerella” degli stili e dei dettami della moda negli stessi decenni che hanno visto la massima produzione e vendita dei bijoux delle fabbriche di Casalmaggiore. E insieme ai cappelli sono esposti i monili del tempo, che si indossavano sopra (gli spilloni) o sotto (collane, chatelaine, spille) e che allo stesso modo contribuivano a completare una mise, a ravvivare l’austerità di un abito, a dare luce al volto. L’esposizione è completata da una galleria fotografica: dalle pareti della Sala  ci guardano visi di donne ritratte nei loro cappelli, semplici o sofisticati, in una Casalmaggiore del Novecento che ormai non c’è più ma di cui restano ricordi e tracce piacevolissime

Annunci